Come scegliere la posa del parquet? Ecco i nostri consigli

26 giugno

spina ungherese

Quando si sceglie un parquet, sono moltissime le variabili che entrano in gioco al fine di individuare quello che più si adatta alle proprie esigenze, non solo in base al colore e alla tipologia di legno, ma anche in relazione alla geometria di posa che si può scegliere per dare al pavimento ancora più carattere.

Nella scelta di questa variabile, però, non entra gioco soltanto il gusto estetico.

Molto importante, infatti, è tenere conto delle caratteristiche della stanza in cui il parquet verrà posato. In un corridoio lungo e stretto, ad esempio, è molto più gradevole il parquet posato con i lati lunghi paralleli alle pareti lunghe, in modo da dare profondità e coerenza alla visione complessiva dell’ambiente.

Lo stesso principio va adottato per quanto riguarda la disposizione delle porte: è sempre più bello entrare in una stanza e vedere un pavimento in legno posato in senso ortogonale rispetto all’ingresso.

Un altro elemento importante da valutare è l’illuminazione: se le fonti di luce attraversano gli elementi della pavimentazione nel senso della lunghezza, le venature e dimensioni dei listoni saranno ancora più in evidenza. È preferibile che il lato lungo della lista sia posato verso la luce, in modo da dare ulteriore profondità all’ambiente.

Anche la dimensione dei listoni da posare va valutata in base alle caratteristiche dell’ambiente in cui verrà posato: nel caso di stanze grandi, ad esempio, è consigliabile posare un parquet a lista lunga, che darà ulteriore ampiezza all’ambiente, mentre per le stanze piccole che saranno in buona parte coperte dai mobili è preferibile posare parquet a lista corta.

Anche le caratteristiche dei muri, poi, influenzano fortemente la scelta della posa del parquet: se in casa avete muri fuori squadra è sconsigliabile la posa in parallelo o a correre, poiché evidenzierebbe ancora di più il difetto del muro. Più adatte, invece, risultano essere la posa in diagonale oppure la posa a spina, con cui sarà possibile mimetizzare le pareti storte.

Ovviamente non sono regole, ma soltanto piccoli consigli. E come al solito%2