Le geometrie di posa: la posa a cassero regolare e a cassero irregolare

GRBLTT-14_SOCIAL_TIP_A01Quando si sceglie un pavimento in legno sono molte le variabili che vengono prese in considerazione, e l’aspetto estetico non è certamente marginale. Ecco, quindi, che valutare non solo le specie legnose o le colorazioni migliori non basta, ma entrano in gioco anche le varie geometrie di posa con cui è possibile posare il parquet.

Le geometrie di posa più diffuse sono la posa a cassero regolare e la posa a cassero irregolare, più comunemente denominata a correre.

La posa a cassero regolare viene realizzata con singoli elementi delle stesse dimensioni, larghezza e lunghezza, disposti nel senso della lunghezza in modo che le congiunzioni di testa corrispondano a righe alternate e avvengano nella stessa mezzeria o in posizione costante rispetto alle liste della fila precedente. Questo tipo di posa permette di ottenere un pavimento adatto ad ogni tipo di ambiente, un vero e proprio evergreen che non passa mai di moda e che dona un aspetto regolare ed ordinato al pavimento.

Nella posa a cassero irregolare o a correre, invece, i singoli elementi hanno la stessa larghezza ma differenti lunghezze e vengono posati in modo che le giunzioni di testa avvengano in posizioni del tutto irregolari. Questa geometria di posa consente di ottenere un effetto originale ed asimmetrico, ad oggi il più utilizzato.

Entrambe le geometrie di posa, poi, possono essere realizzate con elementi paralleli alle pareti oppure in diagonale. La posa a cassero irregolare per la diagonale, ad esempio, è particolarmente indicata per mimetizzare pareti fuori squadra.

Qui puoi leggere anche le caratteristiche della posa a spina di pesce e della posa a spina Ungherese Noblesse.

Contattaci subito per avere maggiori informazioni sui nostri pavimenti in legno.